Menu

Pop & Rivoluzione - Il realismo visionario di Gian Giacomo Spadari

Pop & Rivoluzione - Il realismo visionario di Gian Giacomo Spadari

Pop & Rivoluzione
Il realismo visionario di Gian Giacomo Spadari

a cura di Luigi Pedrazzi e Alessandro Spadari

Dall' 1 al 31 luglio 2021

Sede: Arteutopia - Via privata della Braida, 5 - Milano

Venti ritratti di rivoluzionari dal 1789 ai nostri giorni realizzati da Gian Giacomo Spadari e pubblicati dalla Galleria Schwarz di Milano  alla fine del 1969,  sono il nucleo della mostra POP e RIVOLUZIONE, in esposizione alla Galleria Arteutopia dal 1 al 30 Luglio 2021.

La mostra è composta da  25 ritratti e 5 grandi   dipinti realizzati tra il 1969 e la fine degli anni ’70  da Giangiacomo Spadari, e vuole raccontare  interpretare quel periodo con gli occhi di oggi,  rileggendo  la sua cifra artistica decisamente contemporanea.

Da Malcom X a Mao Zedong, da Lenin a Lumumba,  fino a Garibaldi. La mostra si propone come un racconto  coraggioso e inconsueto,  che non solo ripropone  uno dei più originali e significativi artisti della fine del 900,  ma che cerca  di trovare un filo conduttore comune tra  un periodo di grandi contraddizioni sociali  con  un panorama artistico particolarmente ricco e intensamente vissuto,  che quasi  sembra dissolversi  nella  narrazione del contemporaneo,  ma che ha sviluppato tendenze e  innovazioni,  grandi personalità artistiche e intellettuali, e un sincero  desiderio di radicale   cambiamento dei costumi e  della società.

Nello stesso tempo va precisandosi la grande innovazione  dei mezzi pittorici utilizzati da Spadari: alla base di molti dei suoi lavori vi e’ l'uso di immagini fotografiche solarizzate che allontanano l'immagine dal racconto di cronaca trasformandola in icona contemporanea, carica di valori simbolici che vanno ben oltre l'episodio reale della fotografia originaria.
Alla fotografia si aggiungono negli anni le scene tratte dai film, dalla televisione o dai giornali e altre icone provenienti dal ricchissimo universo visivo di quegli anni.

 Tra contraddizioni e illusioni molti intellettuali e artisti  hanno cercato  nuove certezze e nuovi linguaggi creativi  spesso anche nel conflitto e nell’antagonismo tout court della ribellione generazionale.  Una sorta di incendio creativo  e anarchico  che ha   chiuso il periodo dell’utopia sessantottina, e ha archiviato il  decennio degli anni ’70  come un momento unico e irripetibile del secolo breve, ma che ancora oggi, dopo 40 anni, impone le sue icone e la sua straordinaria influenza estetica e culturale al mondo contemporaneo.

La mostra è realizzata In collaborazione con l’ Associazione Giangiacomo Spadari che da tempo lavora alla conservazione e contestualizzazione del lavoro geniale e innovativo di Giangiacomo Spadari.

Luigi Pedrazzi

 

informazioni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Bakunin     Castro     Che Guevara     Engels

 

Malcolm X         ho chi min        Giap  

 

Gramsci     Marcuse     Zapata     Rosa Luxemburg 

 

                     mao                Trotzky