AbOVO

Un viaggio nell’opera di Fulvia Levi Bianchi

a cura di  Francesca Levi Tonolli e Luigi Pedrazzi

 

Fabbrica del Vapore

Milano, via Procaccini 4

Spazio Messina 2

 

25 maggio – 26 giugno 2016

Ingresso libero

Opening Martedì 24 maggio - ore 18.30

 

con il Patrocinio del Comune di Milano


Milano anni Sessanta. Esporre in una Milano fervida, fra le maggiori capitali europee della cultura e dell’arte, con gli amici, quelli che tutti vorrebbero avere, ma che a pochi tocca il privilegio di avere: Lucio Fontana Gianni Dova, Enrico Baj, Giorgio De Chirico, Roberto Crippa, Piero Manzoni, Enrico Castellani, Agostino Bonalumi. Gli stessi con i quali si esce a cena e con i quali si condividono percorsi artistici. Non è vita per tutti, ma è questo che ha vissuto Fulvia Levi Bianchi. Classe 1927, triestina di nascita trasferita a Milano da ragazza, dove frequenta l’Accademia di Brera. Attiva già dalla fine degli anni ’50 del decennio (nel ’57 la prima esposizione a Milano nella galleria Montenapoleone), Fulvia Levi Bianchi ha lo spirito di artista libera e coraggiosa. Nel suo vivere profondi legami con tali maestri e amici di quegli anni, cerca e trova un suo linguaggio, porta avanti una sua ricerca: la rappresentazione dell’essenziale, la forma più pura e istintiva che corrisponde all’uovo. Che presto diventa tema prediletto, declinato e rappresentato in pittura, scultura, nelle sue creazioni di design, nella sua sperimentazione che porta a una tecnica pittorica e plastica che le ha permesso di eliminare il segno, lasciando unicamente la luce e il volume liberi di espandersi e di vibrare sulla tela o nello spazio.

Gallerie e musei di tutto il mondo hanno esposto e venduto le sue opere. Dal ' 70 inizia a lavorare per il celebre gallerista di origine greca Jolas ad Atene, Madrid e New York. Subito apprezzata negli Stati Uniti, Fulvia vive a metà fra Milano, New York e Los Angeles, dove negli ultimi anni – precedenti la sua scomparsa avvenuta nel 2006 - ha esposto per la galleria di Barbara De Vorzon. Suo il ritratto di Farah Diba realizzato nel 1968 per l'incoronazione dello scià di Persia, suoi i ritratti di personalità del mondo della politica, dello sport e della cultura, da Strehler a Gorbaciov, da Schumacher a Montezemolo, da Veronesi a Copperfield.

La mostra ripercorre tutta la carriera di Fulvia Levi Bianchi, nella Milano che fu culla della sua attività. Pittura, scultura e design, dai primi lavori figurativi degli anni ’60 dove si scorgono ancore influenze accademiche di surrealismo fino ai grandi ritratti, dove spicca una modernissima e sognante Marylin, alle sculture e ai dipinti degli anni ’70 e ’80, dove il linguaggio diventa metafisico e filosofico, e che consacrano Fulvia Levibianchi come artista di fama internazionale e la portano ad esporre nei musei e nelle gallerie di tutto il mondo. Fino alle ultime visioni artistiche dove l’archetipo uovo diventa la matrice della materia, con i suoi oli su ferro dei primi anni duemila, o si confronta con suggestioni contemporanee vicine alla grafica ed all’architettura, dove l’archetipo cosmico dell’uovo si incrocia con strutture grafiche di una realtà urbana immanente.

 

A coronamento del suo lavoro e del suo profondo legami con i grandi maestri degli anni Sessanta, in mostra è riprodotta la sua sala da pranzo che vede idealmente ospiti proprio quei grandi maestri, ad accompagnare i dipinti e le sculture di Fulvia.